Cerca
  • Guido Lombardi

Lavoro da casa? Ecco i consigli per superare i problemi.


In questi giorni il team di Regio, come moltissimi italiani, è al lavoro da casa. Ma operare da remoto può comportare anche alcune difficoltà. Abbiamo chiesto qualche consiglio a Monica Bormetti, psicologa bresciana, fondatrice della società Smart Break ed esperta di consulenza aziendale nel settore digitale.


Dottoressa Bormetti, quali sono i principali problemi che sta vivendo chi lavora da casa?

“Penso alle abitazioni con tante persone costrette a restare insieme, magari con poche postazioni digitali disponibili e con figli piccoli da accudire. In queste condizioni, lavorare può diventare estremamente complesso”.

Quali consigli si sente di dare a chi è oggi costretto a lavorare da casa?

“Operare da casa può portare ad una maggiore propensione al multitasking e a faticare nella gestione delle distrazioni perché siamo in ambienti non preposti al lavoro. Il nostro cervello non è fatto per il multitasking, diversi esperimenti in letteratura ormai l’hanno dimostrato. È quindi necessario darsi delle regole”.

Da dove partiamo?

“Prima di tutto, bisogna definire orari fissi: trovarsi a lavorare da casa improvvisamente può essere disorientante e il rischio è che non ci sia più un confine tra momenti di svago e di lavoro. Poi consiglio di vestirsi con abiti da lavoro, o almeno di non restare in pigiama, e di crearsi una postazione definita di lavoro in casa. È importante anche mantenere delle routine: se si è abituati a bere un caffè con un collega la mattina, lo si può fare ancora chiamandolo".

Come consiglia di organizzare il tempo e lo spazio?

“Bisogna strutturare delle pause di 20 minuti ogni 90 minuti di attività. Il nostro cervello cerca coerenza ed è influenzato dall’ambiente intorno a sé: quindi, quando ci troviamo a lavorare in un ambiente che non è coerente con il nostro ruolo professionale, creiamo un certo conflitto interno. Va quindi creata una procedura che ci porti a passare alla modalità lavoro: può essere utile, prima di aprire il pc, fare una lista con carta e penna delle attività che si devono svolgere”.

Cosa si deve fare per evitare che la preoccupazione di questi giorni danneggi il nostro lavoro?

“È importante prendersi cura del proprio stato mentale evitando di essere assorbiti da ansia, preoccupazione e negatività. Consiglio di darsi dei momenti specifici per guardare le news ma non farlo ogni mezz’ora e anche di darsi un diario della gratitudine in cui scrivere tre cose belle di ogni giornata. Infine, non vanno tralasciate, anzi se possibile incentivate, le relazioni sociali, utilizzando i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione ed è importante dedicarsi anche ad altri interessi oltre il lavoro, magari quelli che avremmo sempre voluto perseguire ma abbiamo rinviato per mancanza di tempo”.

2 visualizzazioni

Sede legale

Via Bernasconi 7/A

22100 Como

Sede operativa

Via Gino Grassi 257

22030 Lipomo

leààòòòkkEmail

Email: info@regiosrl.it

Pec: regiosrls@legalmail.it

LOGO-01.png

P. Iva 03798180133

N. Rea CO-333600

 

 

 

Cod. Fattura Elettronica

M5UXCR1

Copyright © 2020

Studiato, pensato e realizzato da Regio.